Addio ufficio in casa

Ci vediamo in classe? Il mio corso di content strategy e social media strategy arriva in autunno a Torino e a Milano!

Sabato sera ero sotto la doccia, quando all’improvviso ho capito che era arrivato il momento di dire addio al nostro ufficio in casa. Le idee che vengono sotto la doccia si rivelano di solito molto sagge, così l’ho detto a Ivan, lui ha detto «finalmente», e ieri ci siamo messi al lavoro senza perdere altro tempo: siamo entrati in ufficio e l’abbiamo smontato tutto, imballato, caricato su un furgone.

Visto che si tratta di un momento di svolta abbiamo documentato il processo: in questo post racconto come siamo arrivati qui, mentre nel video qui sopra (oppure qui, per chi legge da newsletter) ci sono le sei ore più faticose ma anche più divertenti dell’ultimo periodo – riassunte in cinque minuti.

Trovare un equilibrio

Il nostro primo ufficio in casa è stato in quella che era anche la nostra prima casa insieme (la «casa di via Po»): una casa bella ma un po’ buia, col soffitto a cassettoni, il parquet lucido e un camino che non funzionava ma faceva comunque atmosfera. Di fianco al letto c’era una scrivania, e io non ci potevo credere che da lì in poi avrei avuto una scrivania. Fino a quel momento ero in coabitazione e lavoravo dal letto della mia camera singola mansardata, o dal tavolino del bar più comodo, o sempre dalla camera, ma seduta a terra e con la schiena appoggiata al termosifone.

La casa di via Po invece aveva una scrivania con una sedia di velluto che era un amore, e poi aveva anche un salotto–sala da pranzo: è da lì che ha iniziato a lavorare Ivan quando, dopo pochi mesi che vivevamo insieme, ha perso il lavoro perché la startup in cui era assunto ha chiuso. Non solo niente più treno Torino–Milano ogni mattina, ma anche niente più vedersi solo la sera tardi e il week end.

«Se non ti trovi un posto in coworking ci lasciamo tra un mese», gli ho detto quando ho scoperto che ci saremmo visti così tanto e così all’improvviso. Invece eccoci: io dalla camera da letto, lui dal salotto, lavoravamo entrambi da casa e avevamo trovato il nostro equilibrio.

Una stanza tutta per noi

Poi abbiamo iniziato a cercare casa. Io avevo sempre male ai polsi e avevo bisogno di una sedia più comoda; Ivan non ce la faceva più a togliere-mettere-togliere il suo secondo schermo dal nostro tavolo da pranzo. Cerca e ricerca abbiamo finalmente trovato lei: la casa in cui secondo me staremo per sempre, e in cui secondo Ivan staremo fino a quando non andremo a vivere in campagna.

Questa casa l’abbiamo presa subito: l’agente immobiliare stava ancora finendo la visita, noi ci siamo guardati e le abbiamo detto «guardi, va bene così, la prendiamo». Non solo era un affitto super conveniente, ma aveva la famosa stanza in più: quella che gli altri prendono per i bambini, e che noi stavamo prendendo per costruirci dentro il nostro ufficio. Un ufficio vero, con una porta che il sabato potevi chiudere dietro di te per poi riaprire il lunedì mattina, magari con il pigiama ancora addosso.

Il nostro ufficio in casa non lo dimenticherò mai: è stato il mio nido, la mia tana, il mio covo. Ho scritto un post in cui ho detto tutto quello che c’era da dire, tranne che è una delle stanze che ho amato di più tra tutte le stanze che ho abitato nella mia vita.

La fatica di dire addio

Un giorno Chiara di Houzz ha deciso di farci anche un servizio, sul nostro ufficio in casa. Quel giorno le abbiamo detto che aspettavamo un bambino, e che presto avremmo dovuto dire addio a quella stanza. Era bello che lei la stesse fotografando proprio in quel momento, così potevamo averne un ricordo.

Il mio primo pensiero razionale dopo il test di gravidanza positivo – passata la confusione, il giramento di testa, e se dobbiamo essere onesti anche lo spavento – è stato rivolto a quella stanza; la prima frase di senso compiuto che ho pronunciato io è stata «ci ruberà l’ufficio». Ivan mi ha guardata, ha sorriso e mi ha detto «sì, andrà così».

Penso che il mondo si divida in due categorie: quelli che possono lavorare a casa e quelli che non possono. Noi non solo possiamo, noi diamo il nostro meglio lavorando a casa. E non mi aspetto che l’altra metà del mondo capisca: chi è come noi sa benissimo di cosa parlo.

Ieri però è successa una cosa: abbiamo detto addio al nostro ufficio in casa, e l’abbiamo fatto con sollievo. È una cosa che è successa per gradi (prima abbiamo accorciato le scrivanie e spostato il letto in ufficio), e poi, ieri, tutta insieme: via i mobili, via gli oggetti, via tutto ciò che c’entra con il lavoro e non con noi tre.

La ricerca dello SpazioFigo

Come si passa da essere innamorati del proprio ufficio in casa a smontarlo tutto, imballarlo, caricarlo su un furgone? Lo si fa sapendo che presto arriverà uno spazio tutto per noi: lo stiamo cercando, non l’abbiamo ancora trovato, ma nel frattempo gli abbiamo già dato un nome. Si chiamerà SpazioFigo, come la nostra società.

Abbiamo tanti progetti per lo SpazioFigo, ma uno è più importante di tutti: vogliamo passare dall’ufficio in casa all’ufficio come a casa. Quindi, per dirne una, nello SpazioFigo ci sarà una cucina: una cosa che rende la ricerca incredibilmente più lunga ma anche più divertente, dato che abbiamo coinvolto lei. Siamo cresciuti ed è ora di cambiare, ma non per questo rinunceremo a quella sensazione di nido, di tana, di covo.

Sono Enrica Crivello, mi occupo di marketing online per piccoli business con un cuore. Il mio motto è «chiediti cosa sai fare e cosa ti piace fare, poi inizia a raccontarlo». Il modo più semplice per chiacchierare con me è cercarmi su Facebook.

Iscriviti alla mia Newsletter

Iscrivendoti accetti le condizioni sul trattamento dei dati personali

Tutti i miei post su: Freelance

Ho iniziato la mia vita da freelance senza sapere nulla di cosa volesse dire "freelance". Una cosa che ho capito è che c'è un motivo per cui non si dice «fare il freelance», ma si dice «essere freelance»: è una condizione, più che una job description. Qui ci sono tutte le cose che sto scoprendo sulla mia condizione di freelance.

Storie da leggere quest’estate

Seguire le persone che mi ispirano, capire come sono arrivate dove sono ora è una delle cose che mi ha sempre aiutata di più, soprattutto quando cerco di capire cosa verrà dopo.

Leggi tutto

Abbiamo trovato lo SpazioFigo!

Stiamo prendendo uno a uno i nostri «sarebbe bello» e li stiamo facendo diventare «guarda che bello».

Leggi tutto

Non sono più freelance?

Ho smesso di fare la lancia libera: non attraverso più il cielo in guizzi veloci. Ho iniziato a stare terra, dove il mio lavoro è costruire scale belle e solide che mi porteranno in alto.

Leggi tutto

Addio ufficio in casa

Le sei ore più faticose ma anche più divertenti dell'ultimo periodo – riassunte in cinque minuti.

Leggi tutto

Cosa vorrei per me stessa

La storia di come è nato il mio nuovo logo: c'entrano Lilli Gruber e Benedetta Parodi, Piero Angela e Beyoncé.

Leggi tutto

Avere delle ambizioni

Com’era successo che mi trovavo lì, a rinunciare a una marea di cose «perché tanto figurati, è impossibile»? Quanto tempo era che non facevo a me stessa quella domanda che da bambina rivolgevo a tutti, «ti piace quello che fai»?

Leggi tutto

Voglio fare il tuo lavoro

La risposta che avrei sempre voluto dare ma non ho mai avuto il coraggio di scrivere

Leggi tutto

Mia nonna non è mai andata al mare

Sul muoversi, sul fermarsi, sullo stare. Sul tempo e sui modi del lavoro.

Leggi tutto

Il passive income non esiste

Il sogno di fatturare senza lavorare è, appunto, un sogno.

Leggi tutto

Che senso ha proporre un corso quando tutti fanno corsi

Non ha alcun senso, se non hai qualcosa per cui vale la pena andare in classe e ascoltarti.

Leggi tutto

È arrivato il momento di delegare?

Perché e come ho delegato parte del mio lavoro: una guida che serve a chi è in bilico tra prendere un collaboratore o fare da sé.

Leggi tutto

Dove cerco ispirazione quando non so cosa scrivere

Newsletter da leggere, account Instagram da seguire, video da vedere per ritrovare la creatività perduta.

Leggi tutto

Dire le cose giuste su di sé (video)

Stai dicendo le cose giuste su di te? O al contrario stai distraendo il tuo potenziale cliente?

Leggi tutto

Regali di Natale per freelance

Può sembrare prematuro, ma questo è proprio il momento giusto per pensarci

Leggi tutto

Regime ordinario, due anni dopo

Due anni fa stavo decidendo per il mio futuro: questo è il bilancio delle cose che ho scoperto cambiando regime fiscale.

Leggi tutto

Le risorse più formative fino ad oggi (in aggiornamento)

I corsi e i libri che ringrazio ogni giorno di aver frequentato.

Leggi tutto

Tutto sul mio ufficio in casa

Se non siete fanatici di cartoleria questo è il momento giusto per andarvene con un sorriso di circostanza.

Leggi tutto

Sui consigli gratis

Da un po' di tempo però ho il sospetto – avvalorato da diverse prove – che si sia creato un malinteso: alcuni hanno capito che i consigli del consulente vengano via gratis. E non è così.

Leggi tutto

Mi ripeto perché sono bravo

Credo che questo elogio al cambiamento in cui siamo tutti così inseriti, questa retorica del rinnovarsi in continuazione nascondano spesso un modo per auto sabotarsi.

Leggi tutto

Tre cose che mancano sui siti web

Mi sono limitata a tre cose, e le argomento per bene: spero di convincervi a inserirle.

Leggi tutto

Mettersi a disagio

La passione, l’interesse, la naturale inclinazione ti portano poco lontano. È metterti a disagio che ti fa crescere.

Leggi tutto

Le parole che usiamo per descriverci

È un discorso di opportunità e priorità: il tuo sito ha una sola about page, e la tua about page ha un solo primo paragrafo, usare bene questi spazi è fondamentale.

Leggi tutto

Non ti serve il permesso

Sì, non hai studiato per questo lavoro. Ma chi di noi l'ha fatto?

Leggi tutto

Cosa non ha funzionato

Un elenco delle cose che non hanno funzionato in questi quattro anni da freelance

Leggi tutto

Devi dire quanto sei fico?

Dov'è lecito arrivare, fin dove ha senso "elencare le tue credenziali, dicendo alle persone quanto sei fantastico", e dove invece questa cosa diventa fastidiosa?

Leggi tutto

Raccontarsi per farsi ricordare (trascrizione)

Raccontarsi online fa la differenza, soprattutto per se stessi.

Leggi tutto

10 libri da leggere quest’estate

Una lista di libri che mi sono piaciuti, e che spero piaceranno anche a voi.

Leggi tutto

Sul lavoro

Una risposta a due tipi di email che ricevo spesso.

Leggi tutto

Sales page che non funzionano

I clienti hanno sempre bisogni molto concreti, tanto vale andare dritti al punto.

Leggi tutto

Il dietro le quinte di una consulenza a 6 mani

Il passaggio da «l’autopromozione mi terrorizza» a «ho un sacco di cose belle da dire su di me, e le dirò» può essere rapido, se ci sono le condizioni giuste.

Leggi tutto

10 cose che hanno funzionato nel mio 2015

La consueta lista di fine anno, perché è bello fare il punto.

Leggi tutto

Ho fatto una svendita, queste sono le cose che ho imparato

I problemi dei form d'acquisto, la potenza delle newsletter, il ruolo dei social durante una svendita.

Leggi tutto

Vendere senza vendere

È possibile fatturare senza spammare? Certo che sì, ma non è facile né veloce.

Leggi tutto

Tutto quello che so sul vendere corsi

Un bilancio delle cose che hanno funzionato fino a qui.

Leggi tutto

Video: come scrivere una sales page

Due consigli su come scrivere meglio una sales page

Leggi tutto

16 libri da leggere quest’estate

Una lista di "libri per piccoli business" da leggere in estate (con relativi commenti).

Leggi tutto

Video: Essere troppo creativi fa male

Qual è il giusto rapporto tra creatività e chiarezza? Ne parlo in questo video, raccontando la prima impressione che mi ha fatto un piccolo business con il cuore.

Leggi tutto

Il sessismo è come il traffico

Quand'è stata l'ultima volta in cui hai chiesto a un uomo informazioni sul suo apparato riproduttivo?

Leggi tutto

Gestione finanziaria per freelance

Il metodo che usiamo Ivan ed io per gestire i nostri soldi e non impazzire per l'ansia da tasse. (È più veloce e meno doloroso di quanto uno si immagina)

Leggi tutto

Prendere del tempo per annoiarsi

Da un po’ di tempo faccio sogni che parlano di viaggi. Non sogni ad occhi aperti, ma proprio sogni-sogni, che faccio mentre dormo. Quando di notte sogno i viaggi di solito è per due motivi: perché mi sto annoiando; perché, di conseguenza, sta per cambiare qualcosa. La fase dei sogni di viaggi è travagliata e […]

Leggi tutto

Quattro percento

Lavorare sapendo che una parte di ciò che guadagni aiuterà qualcuno è bello. Farlo e dichiararlo è ancora meglio: è prendersi un impegno.

Leggi tutto

Sono qui per divertirmi (dovreste provare anche voi)

Il succo è: ho voglia di vedere le mie idee prendere vita, andare in giro, trasformarsi. Ho capito che non posso farlo se passo il tempo china sulla scrivania come se fossi la dipendente di me stessa.

Leggi tutto

La paura di sbagliare

Su di me che e sulle cose che ho provato negli ultimi due mesi

Leggi tutto

Un lavoro che non andrebbe preso

Due cose che faccio per evitare i lavori che non vanno bene per me.

Leggi tutto

I problemi del servizio clienti Eni

Quando ho freddo divento una brutta persona: la storia tra Eni e me.

Leggi tutto

20 cose che hanno funzionato nel mio 2014

È dicembre, sono riuscita a portare a casa il risultato, probabilmente è giunto il momento di festeggiare.

Leggi tutto

Ti stai facendo la domanda sbagliata

Spesso ci si chiede «come posso far parlare di me?», ma la domanda giusta è «cosa voglio che si dica di me?»

Leggi tutto

Il lavoro è una cosa seria – disse lanciando dei coriandoli

Il lavoro è una cosa seria, ma una può anche decidere di farlo divertendosi.

Leggi tutto

Il mio business plan

Questa mattina faccio il mio business plan per il 2015. Non pensavo che sarei arrivata a dire questa frase, ma le cose cambiano.

Leggi tutto

Come dare un brief

Due cose non devono mancare in un brief: la descrizione dei limiti, l'invito a lavorare in certe direzioni.

Leggi tutto

Siamo tutte Peggy Olson

il doxing è quando raccogli e pubblichi su internet delle informazioni su una persona, e queste informazioni sono false.

Leggi tutto

Il rischio di dare le cose per scontate

Un sito è, come tante altre cose, una roba che progetti tu, e che quando la progetti nella tua testa è chiara, ma poi sono altre persone a usarla.

Leggi tutto

La differenza tra fare e dire

La pianificazione è razionale, dà sicurezza. L'azione è delicata, emotiva.

Leggi tutto

Come è fatto un video che vende

Una lista di cose da copiare da Whitney English, che è bravissima a vendere.

Leggi tutto

Uno non diventa il più bravo accontentandosi

O riproponendo ogni volta procedure che fino a qui «hanno sempre funzionato».

Leggi tutto

Come essere coerente se sei creativo (e dispersivo)

Non ho la risposta valida per tutti, ma posso dirvi quello che ho fatto io.

Leggi tutto

Come ho cominciato

Il mio inizio da freelance: come e perché ho deciso di fare il salto.

Leggi tutto

12 cose che servono ai social media manager

Una lista di cose che servono ai social media manager (o aspiranti tali) per svolgere meglio il loro lavoro. Non sono fondamentali, ma secondo me aiutano.

Leggi tutto

Primi passi per raccontare il proprio brand

È solo un metodo dei tanti possibili, ma per me che tendo a esprimermi per immagini piuttosto che con numeri e tabelle sta funzionando bene.

Leggi tutto

5 errori di un bar che prima non aveva concorrenza e ora sì

Quando uno ha concorrenza deve concentrarsi su di sé, mica sugli altri.

Leggi tutto

Gestire un disservizio: cosa ho imparato dai piccoli business USA

Come usare i propri errori per entrare in contatto con i propri clienti.

Leggi tutto

Essere freelance: una lista di post che ho scritto in due anni

Una lista di post che ho scritto in due anni sull'essere freelance.

Leggi tutto

Tre cose che ho imparato dal mio corso per life coach

Scrivendo questo corso per life coach ho imparato tre cose. Alcune non sono nuove, ma era la prima volta che le usavo così: il potere di scrivere le cose nero su bianco; il potere della collaborazione; il potere dei social media per spiare.

Leggi tutto

Com’è andata a finire con l’intervista falsa

Quella volta che un giornalista ha pubblicato un'intervista che non avevo mai rilasciato.

Leggi tutto

Cosa possono imparare i life coach dal mio pasticciere

Molti life coach fanno l'opposto del mio pasticciere: ti vendono tanti prodotti, tutti insieme.

Leggi tutto

Cosa pubblicare online se fai un lavoro strano

Cosa pubblicare online se se fai un "lavoro strano" – come il life coach, l'operatore olistico, l'insegnante di danza indiana, il counselor.

Leggi tutto

Come spiegare un lavoro difficile usando parole facili

Come spiegare che lavoro fai, quando fai un lavoro difficile da spiegare a parole?

Leggi tutto

Ragioni per cui organizzare un matrimonio è uguale ad avviare un piccolo business

Non sarò tanto romantica, ma a me ricorda tanto quando ho aperto la mia partita iva e fatto muovere i primi passi al mio piccolo, minuscolo business.

Leggi tutto

Di quella volta che sono rimasta senza clienti, ed era colpa mia

Rimanere senza clienti fa schifo, e fa anche incazzare. Ma c'è una cosa (facilissima) che uno può fare per evitare che succeda.

Leggi tutto

Vendere prodotti digitali online: alcune cose che ho imparato

Una lista che serve a me per promemoria e a te per aprire il tuo ecommerce di file.

Leggi tutto

Conoscenze VS competenze

Il sistema italiano (dell'istruzione e del lavoro) si fonda sulle conoscenze, ma se devo sceglierne io preferisco le esperienze.

Leggi tutto

Una cosa che serve per diventare freelance

Per essere freelance devi permetterti di disobbedire, costruendo.

Leggi tutto

Oggi nasce C+B

Oggi nasce la casa online dell'imprenditoria femminile creativa.

Leggi tutto

Foglio di calcolo basico per il freelance nei minimi

Un foglio di calcolo per tenere d'occhio il fatturato annuo.

Leggi tutto

Freelance VS Agenzia

Tre cose che i freelance non devono dimenticarsi di fare.

Leggi tutto

Il mio #freelancecamp

È stato bello e anche utile vedere il mio feed reader prendere vita a Marina Romea, e sentire cosa aveva da dire nel tempo delle Q&A.

Leggi tutto

Perché dovresti insegnare il tuo lavoro agli altri

Quando insegni il tuo lavoro ad altri succede qualcosa di magico: ne parli e il primo a imparare sei tu.

Leggi tutto

Scegliere i propri clienti

Non riesco a lavorare con gente che mi sta antipatica. Per quanto mi sforzi (e vi giuro che ci ho provato) niente, non ce la faccio proprio.

Leggi tutto

Selezionare per distinguersi

Distinguersi è faticoso. Farlo nella velocità e nell'abbondanza della comunicazione online lo è ancora di più – ma se non lo fai nessuno si ricorderà di te.

Leggi tutto

Come organizzare il proprio tempo da freelance

Dopo anni di to do list – la prima l'avrò fatta al liceo, l'ultima ieri mattina – ho capito che con me gli elenchi di cose da fare non funzionano.

Leggi tutto

Eliminare il superfluo

Concentrati su due cose, elimina il superfluo, il resto può aspettare.

Leggi tutto

Errori da freelance

Questi errori li sto collezionando tutti, contemporaneamente e a più riprese. Se l'avessi visto prima sarebbe cambiato qualcosa? No.

Leggi tutto