Ci vediamo in classe? Il mio corso di content strategy e social media strategy arriva in autunno a Torino!

Come autopromuoversi sui social media

Io penso che se non ottieni nulla da qualcosa è perché la stai usando male – in altre parole è colpa tua, non sua – e ho una storia che lo dimostra.

perché chiudo il profilo facebook

La scorsa settimana ho avuto una conversazione con alcune freelance che mi hanno detto di non capire i social media. Stanno provando a usarli per promuovere le loro piccole attività imprenditoriali, si impegnano, sono appassionate e volenterose, ma non ci stanno cavando un ragno dal buco.

Io penso che se non ottieni nulla da qualcosa è perché la stai usando male – in altre parole è colpa tua, non sua – e ho una storia che lo dimostra.

Una storia di autopromozione

Martedì scorso ho pubblicato un post in cui dicevo che organizzare un matrimonio è simile ad avviare un’attività in proprio. Mi sentivo sopraffatta dalle mille cose da fare e così ho scritto per condividere un po’ di fatti miei, chiacchierare, cercare empatia: “ehi, là fuori, qualcuno si sente come me?”.

Pochi minuti dopo aver pubblicato il post sono stata contattata su Facebook e via email da vari fornitori del settore matrimoni (noleggio auto, wedding planner, bomboniere, eccetera), che in modo più o meno spinto cercavano di vendermi i loro servizi. Non avevamo mai parlato prima di quel momento, e inoltre mi offrivano delle cose che io non avevo chiesto.

Io non sono contraria all’autopromozione sui social media (siamo lì per quello, no?) ma devi saperla fare. E tanto per cominciare puoi partire da qui:

  1. Ricordati che sei in una relazione con una persona, e che questa relazione non ha nulla di diverso da quelle che hai con i tuoi vicini di casa. Se il tuo vicino ti dicesse sul pianerottolo “sono un po’ stanco, l’organizzazione del mio matrimonio mi sta prendendo un sacco di energie” e tu gli rispondessi “interessante! Sai che noleggio automobili da cerimonia?” lui penserebbe che sei maleducato, e avrebbe ragione. Quando sui social media intervieni dimenticandoti che dall’altra parte c’è una persona, molto probabilmente ciò che dirai sarà insensato, inopportuno, a volte addirittura maleducato. Corri questo rischio se non hai mai capito chi sono queste persone con cui parli online.
  2. Dai alle persone la possibilità di conoscerti, racconta i tuoi interessi. Sui social media si cazzeggia, è come stare alla macchinetta del caffè: mentre si parla dell’ultima puntata di Game of Thrones salta fuori che tu ti occupi di auto a noleggio, e magari ne terrò conto, ma solo perché mi stavi già simpatico prima. Chi sei e cosa ti piace importa tanto quanto ciò che vendi: smettila di nasconderti dietro un logo, facci vedere la tua faccia e facci sapere cosa fai nella vita di tutti i giorni.
  3. Non usare i social media in sostituzione di altri canali: una Pagina Facebook e un account Twitter non possono in nessun modo sostituire un ufficio stampa o un sito, o peggio ancora rimpiazzare gli spazi pubblicitari che prima compravi e che ora hai tagliato dal tuo budget. Al massimo (come dicevo) sostituiscono la macchinetta del caffè: un posto dove succedono un sacco di cose, ma solo se mentre sei in coda hai voglia di ascoltare gli altri e di dire la tua.
  4. Quando parli dei tuoi prodotti, fai vedere che ti piacciono. Non c’è vergogna nel vendere qualcosa, quindi non essere timido e racconta bene ciò che fai. Non servono molte parole per fare capire alle persone cosa vendi e come lo vendi, a volte basta un’immagine con un bel commento. Se non sai cosa dire nel commento, puoi partire da qui: sei contento di ciò che vendi? E se sì, perché? Come ti senti mentre lavori? E come si sentono i tuoi clienti dopo che hanno comprato? In che modo quello che fai è diverso da quello che fanno gli altri?

Keep it short and sweet, come dicono gli americani. E se non riesci da solo, ti aiutiamo noi.

Vuoi approfondire?

Ne parliamo su Guido, la mia libreria di risorse video per imparare il marketing online al tuo ritmo

Iscriviti alla mia newsletter

Iscrivendoti accetti l'informativa sul trattamento dei dati personali