Ci vediamo in classe? Il mio corso di content strategy e social media strategy arriva in autunno a Torino!

L’ho già detto

Passato l'entusiasmo iniziale è difficile trovare cose da scrivere. Ecco come faccio io.

enrica crivello - Strumenti salvavita per social media manager

Ieri sera sfogliavo Pinterest e nel mio feed c’erano un sacco di pin a tema «aprire un blog in dieci minuti». Così ho interrotto per un attimo la mia attività di pinnare-tutorial-DIY-che-non-proverò-mai e ho pensato: ma ci vuole davvero così poco ad aprire un blog? La risposta è sì. Ad esempio: vai su Tumbrl, ti fai un account, in una manciata di minuti puoi iniziare a pubblicare cose.

È bellissimo che procurarsi un posto in cui pubblicare contenuti (un blog, una Pagina Facebook, un canale YouTube, un account Instagram) sia così facile e così veloce. Il problema è che passato l’entusiasmo iniziale è difficile trovare cose da scrivere: un po’ perché tutti abbiamo delle vite da vivere, e il tempo è sempre troppo poco per fermarsi a raccontarle; un po’ perché spesso è difficile farsi venire in mente cose nuove da scrivere, dire, fotografare, insegnare, vendere.

Eppure la settimana scorsa ho rinnovato il dominio di questo blog per la quinta volta: cinque anni di blog, l’entusiasmo iniziale è sfumato da un pezzo, ma non ho smesso di scrivere. Com’è possibile? Me lo sono chiesta da sola, e ho cercato di rispondermi.

Visitatori nuovi / di ritorno

Una cosa che faccio spesso è guardare i visitatori nuovi e i visitatori di ritorno, e scoprire che sul mio sito ci sono in media 60% di visitatori che arrivano qui per la prima volta. (Il dato si trova in Google Analytics sotto Pubblico > Panoramica.)

Questo vuol dire che ogni giorno è un buon giorno per dire qualunque cosa mi vada di dire, anche se in parte è una cosa che ho già detto, anche se è un argomento che ho già affrontato, anche se chi frequenta i miei corsi o guarda i miei video ne ha le scatole piene: perché anche oggi là fuori c’è un visitatore che per la prima volta mette piede sul mio blog. Per lui è tutto nuovo, posso stare serena e parlargli di qualunque cosa.

Pagine visitate

Un altro dato interessante è quello delle pagine più visitate. Nel mio caso, e penso pure nei vostri, le pagine più viste non corrispondono alle ultime pagine create o agli ultimi post pubblicati: lì in mezzo ci sono cose vecchie di tre-quattro anni, che continuano a ricevere visite ogni giorno.

Questo vuol dire che anche se a me piace immaginare il mio blog come un diario che procede in ordine cronologico, e che le persone leggono mentre io lo scrivo, la verità è che il mio blog è più simile a una rivista lasciata di fianco al WC: arrivi, apri una pagina a caso, leggi un pezzo (magari vecchissimo) e te ne vai appena quella seduta, ehm, si concretizza.

Questa è una bella scoperta: ogni pezzo del mio blog vive una vita propria; i suoi tempi non sono legati alla pubblicazione, il ritmo è asimmetrico. Scrivo oggi e in tanti mi leggono oggi, ma altrettanti mi potrebbero leggere tra due-tre anni.

La conseguenza è che se una cosa per me è importante, tanto vale scriverla e non farsi troppe seghe mentali sul timing: verrà letta oggi, domani, dopodomani, tra un anno. Non c’è un momento giusto per pubblicare ciò che mi sta a cuore; o meglio: il momento giusto è adesso.

L’ho già detto

Quando sto per scrivere una cosa mi chiedo sempre: «aspetta, ma questo l’ho già detto?»

E non me lo chiedo per bloccarmi o censurarmi, al contrario: se ho già detto una cosa so che tornarci sopra non può che essere positivo, per tre ragioni:

  1. Farà bene a me, perché così scrivo di qualcosa che conosco – e che eventualmente posso trattare da un punto di vista diverso rispetto alla volta precedente.
  2. Farà bene ai miei lettori perché, come dicevamo, buona parte di loro è nuova, e l’altra parte comunque apprezzerà un ripasso.
  3. Farà bene al mio posizionamento: se torno più volte su un tema le persone (i potenziali clienti) iniziano ad associarmi a quel tema, e a forza di sentirmene parlare magari a un certo punto compreranno.

Ne consegue che ripetersi, al contrario di come sembra, è un vantaggio. E se siete arrivati fin qui ne siete la dimostrazione vivente, perché della ripetizione avevo già parlato (da un’angolazione molto diversa), ed eccovi comunque qui a leggere.

Se dopo cinque anni e dopo il tramonto dell’entusiasmo questo blog continua a essere vivo è per le ragioni di cui sopra. Più una, e cioè: avere un calendario editoriale che finalmente riesco a mettere in pratica. È una cosa di cui parlo meglio in questi video, se volete ci vediamo lì.

Vuoi approfondire?

Ne parliamo su Guido, la mia libreria di risorse video per imparare il marketing online al tuo ritmo

Iscriviti alla mia newsletter

Iscrivendoti accetti l'informativa sul trattamento dei dati personali