Ci vediamo in classe? Il mio corso di content strategy e social media strategy arriva in autunno a Torino!

I problemi del servizio clienti Eni

Quando ho freddo divento una brutta persona: la storia tra Eni e me.

il pessimo servizio clienti eni

Quando ho freddo divento una brutta persona e non riesco a pensare ad altro se non «qui fa un freddo pazzesco, aiuto, sicuramente morirò». In questo momento ho molto freddo, quindi l’unica cosa che posso fare è raccontare per filo e per segno la storia di come mai il 9 gennaio non ho il riscaldamento in casa. (TL; DR: è colpa del servizio di Eni)

Intorno al 20 dicembre ho chiamato Eni per attivare un contratto: sono già loro cliente, devono solo inserire il nuovo indirizzo di residenza e mandare un tecnico per togliere i piombini al contatore. Mi dicono che il tecnico verrà il 24 dicembre dalle 10 alle 12 – uh mamma, ma tutto ‘sto tempo?no, quella è la fascia oraria in cui il tecnico può presentarsi.

Il 24 dicembre alle 13 capisco che probabilmente il può presentarsi è più un’ipotesi che altro: potrebbe presentarsi, e nel mio caso no. Chiamo il call center e quello che succede somiglia a questa scena di Mamma ho Perso l’aereo: 

Police-compressor (1)

In pratica: è Natale, bla bla, ciao ciao.

Richiamo il 27: il nuovo appuntamento è per il 9 gennaio, cioè 13 giorni dopo – eh ma non si può prima? – no – ma come mai il 24 non si sono presentati? – da sistema non lo vedo – ma come mai non lo vede? – è tutto in mano alla rete locale signora.

Il nuovo appuntamento è dalle 10 alle 12, quindi vuol dire perdere «solo» 2 ore di lavoro nell’attesa, che insieme alle altre fanno 5 ore, e 5 ore di lavoro perse, a fronte di tutte le cose che ho da fare, sono tante.

Alle 12:20 del 9 gennaio è chiaro che Eni mi ha di nuovo tirato pacco. Chiamo il servizio clienti, racconto la storia, e mi viene detto:

  • signora, la cosa è in mano al distributore locale
  • no, non possiamo dare il numero del distributore
  • no, non possiamo chiamarlo noi
  • non sappiamo perché non si sono presentati oggi
  • non c’è modo di fare nulla
  • e comunque siamo dispiaciuti

Insisto per saperne di più, e ottengo:

  • sull’appuntamento del 24 forse ci sono delle risposte (legge a schermo a bassa voce), eh ma è più complesso di così, qui ci vuole il «reparto specialistico»
  • apriamo una pratica ufficiale (la aprono, prendono di nuovo tutti i miei dati, mi danno il numero della pratica)
  • la ricontatteremo perché qui la situazione è confusa

Forse mi sentono mogia, perché a quel punto decidono di buttarla sul comico:

  • e poi volevamo chiederle: è interessata alle nostre offerte sulla luce?
  • grazie per avere chiamato Eni, al termine della chiamata può partecipare al sondaggio sulla soddisfazione, basta premere 9 per dare il massimo del voto.

Prima ero solo infreddolita, ora sono anche arrabbiata: è una mia impressione o mi stanno perculando? E poi: perché continuano a chiamarlo servizio clienti?

Sia come sia, quando sono arrabbiata è molto peggio di quando sono infreddolita.

Iscriviti alla mia newsletter

Iscrivendoti accetti l'informativa sul trattamento dei dati personali