Ci vediamo in classe? Il mio corso di content strategy e social media strategy arriva in autunno a Torino!

Un lavoro che non andrebbe preso

Due cose che faccio per evitare i lavori che non vanno bene per me.

Un lavoro che non andrebbe mai preso

Mettiamo il caso che prendi un lavoro che non ti entusiasma più di tanto – la paga è buona, e non è che puoi entusiasmarti per ogni singolo lavoro che prendi. Metti a preventivo poche ore, magari non sarà divertente, ma non potrà nemmeno essere così pesante (e poi appunto, ci sono i soldi, vuoi dire no?).

Nel giro di poco ti ritrovi a fare una buona parte di ciò che nel tuo lavoro non andrebbe fatto mai e poi mai – almeno per come la vedi tu. Tipo eseguire delle istruzioni senza farti domande. O tipo usare una lista di indirizzi email che il tuo cliente ha preso chissà-dove. Cose così: che tanto nel risultato finale non si vedono, restano dietro le quinte. Ma ci sono.

Dallo scarso entusiasmo alla noia il passo è breve, e dopo c’è solo il desiderio che questo lavoro scompaia, sia inghiottito nel nulla, non se ne sappia più niente.

Questo è un lavoro che non andrebbe mai preso. Ti richiede un sacco di energie e ti fa andare a letto insoddisfatto – e, se sei uno che rimugina sulle cose come faccio io, ti fa mettere in discussione tutto il resto delle cose che hai fatto fino a qui («OMG, forse sono solo un bluff, predico bene e razzolo male»).

Io ho due modi per evitare questo tipo di lavori:

  1. Fare una lunga lista di domande al cliente prima di prendere l’incarico. Questa lista mi serve per due motivi: il più evidente è raccogliere i dati, l’altro, più nascosto, è avere delle basi su cui dire di no. «Da ciò che mi dici mi sembra che il tuo obiettivo / il tuo settore / il tuo target non sia adatto al mio modo di lavorare / alla mia esperienza»: è più facile dire di no se puoi spiegarlo e contestualizzare, e, ancora meglio, se per spiegarlo e contestualizzare usi le parole che ti ha detto il cliente.
  2. Più importante: anche nel dietro le quinte, negli accordi sui tempi, sui modi, sui pagamenti e su tutto ciò che c’è ma non si vede, non faccio niente che non vorrei rendere pubblico. 

Da quando ho questa guida è più facile evitare i lavori che non andrebbero mai presi.

Iscriviti alla mia newsletter

Iscrivendoti accetti l'informativa sul trattamento dei dati personali